Riflessione su Occhio alla Spesa e Striscia la Notizia


Pubblicato il 23 marzo da Riccardo Dell'Aversana

Consigli da google per le tue ricerche:

Plus One!

Riceviamo e pubblichiamo una comunicazione da parte di Simone Spiga e Alessandro Di Pietro

Questo pomeriggio mi è giunta una email da una cara amica in merito al tentativo di imitazione di Occhio alla Spesa da parte di Striscia la Notizia, credo possa essere un argomento per dibattere sulla nostra trasmissione preferita. Buona riflessione a tutti

"Se e’ vero che l’imitazione e’ la più grande forma di ammirazione Alessandro Di Pietro dovrebbe ringraziare di tutto cuore Antonio Ricci per la stima mostrata nei suoi riguardi. Da qualche mese, infatti, “Striscia la notizia” ha inserito la rubrica “Occhio allo Spreco" che ricalca in toto, anche nel titolo, “Occhio alla Spesa”, quasi a sembrare un’imitazione… Gli argomenti trattati sono gli stessi che Alessandro, da oltre 10 anni, fornisce ai telespettatori: risparmio energetico, ecologia domestica, economia della famiglia, risparmio sulla spesa e via dicendo. Questa nuova rubrica di “Striscia” –per verità assai estranea al linguaggio tradizionale della trasmissione- è affidata ad una bella e rassicurante signora, laureata in una prestigiosa università americana che ci insegna, con fare molto salottiero, come preparare detersivi o cosmetici fatti in casa, come risparmiare sulla bolletta dell’acqua chiudendo il rubinetto mentre ci laviamo i denti, come dare un taglio alla bolletta elettrica utilizzando lampadine a basso consumo e come evitare le magagne della spesa leggendo le etichette…. Mamma mia che novità strabilianti !!! Il fatto che Antonio Ricci abbia deciso di taroccare Occhio alla spesa con una “rubrica sosia”, dovrebbe lusingare Alessandro, ma questo non ci esime di segnalare ai telespettatori che anche nel “commercio” televisivo ci sono non solo prodotti autentici ma anche tarocchi e quindi …. diffidate delle imitazioni!"

Plus One!

3 Commenti

  1. cesare ha detto:

    A proposito di uova ….. mia moglie le produce ad 1 solo cent di euro ….viviamo nei pressi di una centrale nucleare.

  2. Melania ha detto:

    Cara Emilia le “belle statuine”non sono dipendenti rai ma figuranti,e soprattutto care amiche del sig.Di Pietro

  3. emilia colombo ha detto:

    vedo quasi ogni mattina occhio alla spesa, mi piacerebbe sapere chi sono le “belle statuine” che vengono inquadrate in prima fila e in primo piano. sono dipendenti rai ? se sono ospiti, come si fa per essere ospitati ? anche per cambiare un pò il panorama delle incuadrature ! grazie.

Rispondi

*