Pensioni: dal 1 luglio 2009 entra in vigore il sistema delle quote


Pubblicato il 23 giugno da Stanislao Di Bello

Consigli da google per le tue ricerche:

Plus One!

 

Ancora pochi giorni e ci sarà un cambiamento per quanto riguarda l’età pensionabile. La legge Damiano (legge 247 del 24/12/2007), infatti, entra in vigore il 1 luglio 2009 e definisce la nuova soglia minima per andare in pensione.

Il meccanismo delle quote tiene conto di due elementi relativi agli aspiranti pensionati: l’età anagrafica e quella contributiva. Si dovrà infatti raggiungere, per i lavoratori dipendenti, “quota 95”, ovvero la somma dei due dati dovrà essere non inferiore a 95, con l’età anagrafica minima pari a 59 (59 anni di età e 36 di servizio, 60 anni di età e 35 di servizio, 61 anni di età e 34 di servizio, e così via). La “quota 95” resterà in vigore fino alla fine del 2010, mentre dal 1 gennaio 2011 la soglia si alzerà a “quota 96” (in questo caso l’eta minima anagrafica è pari a 60). Un ulteriore innalzamento della soglia si avrà da gennaio 2013, quando entrerà in vigore la “quota 97”, con età minima anagrafica pari a 61). Tutto questo vale per i lavoratori dipendenti, mentre per gli autonomi la soglia è più alta di 1 unità, come si può vedere dalla tabella sottostante. Ricordiamo che fino al 30 giugno 2009 resta valido l’attuale sistema, che prevede come soglia minima: 58 anni di età e 35 di contributi.

 

Plus One!

Rispondi

*