Classifica dei consumi alimentari: guida il Sud, ma soffre la dieta mediterranea


Pubblicato il 24 febbraio da Riccardo Dell'Aversana

Consigli da google per le tue ricerche:

Plus One!

 

Per conoscere quale incidenza abbia la spesa che le famiglie italiane destinano ai prodotti per la tavola, non bisogna far altro che capovolgere lo stivale… Uno dei rari casi in cui la leadership spetta di diritto alle regioni del Sud e del Centro riguarda proprio i consumi alimentari: è questa la conclusione, solo in parte sorprendente, a cui è giunta la Coldiretti dopo aver esaminato le ultime rilevazioni Istat sui consumi delle famiglie nelle diverse regioni. Nella media nazionale, la tavola assorbe quasi il venti percento della spesa familiare (l’abitazione si colloca al secondo posto in questa speciale graduatoria), ma a ben guardare sono ben sei i punti percentuali che dividono le regioni settentrionali (18%) da quelle meridionali (24%).

Addentrandoci in un’analisi più specifica, risulta impressionante il testacoda che emerge dalla classifica delle regioni italiane: sono le famiglie campane a spendere per la tavola l’importo maggiore in senso assoluto (523 euro al mese per l’acquisto di alimenti e bevande), mentre la maglia nera tocca a quelle friulane (394 euro, un terzo in meno…). In media, una famiglia italiana spende 466 euro al mese per l’acquisto di alimenti e bevande.  Se invece si prendono in considerazione le aree geografiche, lo scettro dei consumi alimentari per nucleo va all’Italia centrale (485 euro al mese), seguita dal mezzogiorno (480 euro) e dal nord (solo 449 euro). Dati tutto sommato in linea con la tradizione, mentre risvolti particolarmente interessanti presentano le tendenze relative ai prodotti alimentari acquistati nelle varie regioni: “nel Centro Italia, le famiglie acquistano piu’ pane, pasta e cereali, carne e ortofrutta, mentre al sud latte, formaggi e uova, olii e grassi, zucchero e caffè ed infine al nord si hanno i maggiori esborsi familiari per le bevande”.

Ma l’elemento più saliente dello studio della Coldiretti riguarda il “progressivo abbandono da parte delle regioni del sud dei principi base della dieta mediterranea”: queste nuove abitudini alimentari finiscono con l’avere preoccupanti ripercussioni sul fisico e sullo stato di salute. “Secondo una recente indagine – afferma l’organizzazione –  la Campania si classifica come la regione con il più elevato grado di sovrappeso seguita da Sicilia, Puglia e Calabria. Un triste primato conquistato anche a livello di obesità infantile con il 51 per cento dei bambini campani che sono obesi o in sovrappeso con il rischio che da grandi possano essere più vulnerabili a molte malattie come i problemi cardiocircolatori, il diabete, l’ipertensione, l’infarto e certi tipi di cancro”.

Insomma, gran parte della spesa alimentare non sarebbe impiegata in maniera corretta: a questo scopo, sempre la Coldiretti ha promosso una “campagna amica” per offrire un appuntamento salutare con l’acquisto diretto dai produttori delle salutari produzioni ortofrutticole tipiche di stagione di origine e qualita’ certa, fresche e in conserva, disponibili insieme col miele, gli olii extravergini d’oliva, i vini, i formaggi, i dolci tipici locali. Su questa scia è in programma in settimana proprio a Napoli il settimo congresso  nazionale di la Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare (SIPREC) con un info point gestito da un team di medici e l’offerta di una mela annurca come simbolo della prevenzione”.

Infine, spazio anche ad un progetto di alimentazione sana riservato ai più piccoli (“Slurp – Uno chef per amico”), in partnership con Città del Gusto dove è stato aperto il primo ristorante certificato con apposito “Marchio Qualità Ristorazione per Bambini” certificato da Ismecert.

Clicca qui per saperne di più su Campagna Amica e sulla mappa dei mercati collegati

 

Spesa a tavola delle famiglie per regione
 
 
Campania:
523 euro/mese
Molise:
518 euro/mese
Calabria:
507 euro/mese
Marche:
504 euro/mese
Umbria:
497 euro/mese
Lazio:
494 euro/mese
Puglia:
480 euro/mese
Abruzzo:
471 euro/mese
Piemonte:
464 euro/mese
Lombardia:
463 euro/mese
Toscana:
462 euro/mese
Veneto:
457 euro/mese
Liguria:
453 euro/mese
Sicilia:
447 euro/mese
Valle d’Aosta:
444 euro/mese
Basilicata:
442 euro/mese
Sardegna:
434 euro/mese
Bolzano:
431 euro/mese
Trentino Alto Adige:
417 euro/mese
Emilia Romagna:
417 euro/mese
Trento:
405 euro/mese
Friuli Venezia Giulia:
394 euro/mese
 
 
ITALIA:
466 euro/mese
 
 
Fonte : elaborazione Coldiretti su dati Istat

 

 

Spesa mensile delle famiglie per capitolo di spesa e ripartizione geografica (in euro) 
  Nord  Centro  Sud  Italia 
Spesa per alimentari e bevande  449 485 480 466
Pane e cereali 78 81 79 80
Carne 101 114 108 107
Pesce 34 45 51 42
Latte, formaggi e uova 62 60 65 62
Oli e grassi 17 17 18 17
Patate, frutta e ortaggi 81 88 84 84
Zucchero caffè e altro 31 33 36 32
Bevande 45 43 39 42
         
Fonte : elaborazione Coldiretti su dati Istat       

 

Plus One!

Rispondi

*