Tim e Vodafone sulla graticola: multa salata dell’Antitrust per modifica unilaterale dei piani tariffari


Pubblicato il 22 febbraio da Stanislao Di Bello

Consigli da google per le tue ricerche:

Plus One!

 

L’Antitrust ha sanzionato le due compagnie telefoniche con una multa di mezzo milione di euro ciascuna per pratica commerciale scorretta. La denuncia era partita da Altroconsumo e risale all’agosto scorso, quando entrambe le compagnie apportarono modifiche unilaterali ai rispettivi piani tariffari senza fornire un’adeguata e corretta informazione agli utenti. Questi infatti, avvisati in alcuni casi con un breve sms, non hanno avuto la possibilità di conoscere le caratteristiche delle nuove tariffe, le modalità di attuare la portabilità del numero da un operatore all’altro e le modalità di rimborso del credito residuo. I rincari, secondo una stima dell’associazione a tutela dei consumatori, vanno, con riferimento a un profilo medio di utenza, da 49 sino a 83 euro annui.

A sei mesi dall’inizio del procedimento, l’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha ritenuto giusto applicare il massimo della pena, anche perché il businnes realizzato dai due gestori ai danni dei consumatori è stato certamente superiore. Sia Tim che Vodafone hanno comunque annunciato l’intenzione di ricorrere al Tar per opporsi a tale sanzione, dichiarando di aver agito nel rispetto delle regole e della trasparenza.

La vicenda solleva inoltre una questione di non poca rilevanza, quella dell’introduzione della “Class action” nel nostro Paese. L’istituto del risarcimento collettivo si adatterebbe perfettamente a casi come questi, dove, per tali pratiche commerciali scorrette, la multa acquista un significato simbolico e non restituisce alle migliaia di utenti le cifre incassate automaticamente e scorrettamente dai gestori.

Nella tabella sottostante, le modifiche relative ai piani tariffari originari di telefonia mobile.

 

 

Aumento dei costi mensili: 15 chiamate la settimana da circa 2′

Tariffa
Aumento annuo in euro
Tim Club
49,08
Tim Unica
49,08
Tim Unica New
55,08
Tim Zer0Scatti
49,08
Vodafone Sera
66,72
Vodafone Italy
83,4
Vodafone 4You
62,4

 

Fonte: Altroconsumo, febbraio 2009

 

Aumento del costo di una chiamata media (circa 2 minuti) 
Piano tariffario  Tipo di chiamata  Aumento percentuale 
VODAFONE
Sera Ricaricabile in Euro modificato in VF Sera Effettuata durante il weekend 30%
Effettuata in giorno feriale alle 13.00 34%
Italy Ricaricabile in Euro modificato in VF Italy Verso utente Vodafone 15%
Verso utente di altro operatore 29%
4You modificato in VF 4 You Verso utente Vodafone 29%
Verso utente di altro operatore 30%
TIM
Tim Club Qualunque chiamata 16%
Unica Qualunque chiamata 14%
Unica New Qualunque chiamata 12%
Zer0Scatti Verso telefonini Tim 20%
Verso altri operatori 7%

 

Fonte: Altroconsumo, febbraio 2009

 

Plus One!

4 Commenti

  1. Tim e vodafone sulla graticola: multa salata dell’antitrust per modifica unilaterale dei piani tariffari ha detto:

    […] fonte: http://www.pricesharing.it » Vai al post originale […]

  2. Maria ha detto:

    Beh in effetti è proprio vero…in tutta questa storia l’unico a perderci è il consumatore. Il tutto poi è palesemente legato al taglio sui costi di ricarica. Chi ha il coltello dalla parte del manico sono sempre loro…noi siamo solo una goccia in un oceano.

  3. Alfredo ha detto:

    penso che è anche poco mezzo milione di euro rispetto ai guadagni che hanno avuto…e poi come sempre, il consumatore non viene mai risarcito…l’unica cosa da fare, con i tempi che corrono, è stare con gli occhi bene aperti e tenersi sempre informati…

  4. Tim e Vodafone sulla graticola: multa salata dell’Antitrust per modifica unilaterale dei piani tariffari | Yourpage live news aggregator ha detto:

    […] Tim e Vodafone sulla graticola: multa salata dell’Antitrust per modifica unilaterale dei piani tariffari Author: admin | Categoria Pubblicità   L’Antitrust ha sanzionato le due compagnie telefoniche con una multa di mezzo milione di euro ciascuna per pratica commerciale scorretta. La denuncia era partita da Altroconsumo e risale all’agosto scorso, quando entrambe le compagnie apportarono modifiche unilaterali ai rispettivi piani tariffari senza fornire un’adeguata e corretta informazione agli utenti. Questi infatti, avvisati in alcuni casi […] Vai alla Fonte […]

Rispondi

*