Ancora sui cibi scaduti: un’occasione per fare chiarezza sulla sicurezza alimentare tra allarmismi di associazioni e dubbi dei consumatori


Pubblicato il 31 gennaio da Riccardo Dell'Aversana

Consigli da google per le tue ricerche:

Plus One!

 

L’elevata quantità di prodotti sequestrati dimostra come siano diffusi nel nostro paese gli illeciti nel campo dell’alimentazione, e come la sicurezza alimentare degli italiani sia sempre più in pericolo. Speculare poi sul bisogno di risparmiare a tutti i costi da parte di una fetta consistente di popolazione, costituisce un grave crimine soprattutto morale. D’altra parte, come già segnalato dalla nostra redazione qualche giorno fa, qualche abile (e legittimo) profittatore di recessione e necessità di economizzare c’è già e – nei limiti della legalità – ha saputo brillantemente sfruttare l’occasione giusta per affermarsi come leader di un mercato molto…particolare: quello dei cibi in scadenza o scaduti da poco. Parliamo dell’Approved Food, azienda della Gran Bretagna, nazione in cui è la stessa agenzia governativa che regola e controlla il settore alimentare in Gran Bretagna (la Food Standards Agency) a consentire la vendita dei prodotti alimentari anche dopo la data di scadenza. Perché, dunque, non approfondire l’argomento anche in Italia? Per la Coldiretti, la messa in vendita di prodotti scaduti è “un segnale preoccupante della riduzione dell’attenzione nei confronti dell’impatto dell’alimentazione sulla salute dei cittadini. Una scelta che peraltro rischia di aprire le porte alle frodi e sofisticazioni che spesso in Italia si fondano proprio sulla cambiamento delle date di confezionamento e la messa in vendita di prodotti scaduti da tempo”. A nostro avviso, però, andrebbe promossa una seria discussione sull’opportunità di giungere ad una regolamentazione più chiara in merito ai prodotti alimentari in scadenza, ad obblighi ed opportunità di negozianti ed esercizi commerciali, alla consapevolezza da parte dei consumatori sui rischi reali o paventati. A nostro parere, l’occasione di fare definitivamente chiarezza sul “consumarsi preferibilmente entro” potrebbe aprire nuove strade anche nel nostro paese: ad esempio, dando la possibilità a supermarket, commercianti e gdo di mettere in vendita prodotti alimentari ancora integri (benché in scadenza o scaduti da poco, pubblicizzando magari l’offerta in appositi volantini), rendendo al contempo i cittadini più informati, oltre a metterli in condizione di risparmiare. Non che questo serva a debellare il fenomeno dei crimini contro la sicurezza alimentare, ma potrebbe sicuramente svelare scenari inediti nel nostro paese, agevolando una presa di coscienza collettiva da parte tanto degli operatori di mercato quanto dei consumatori. Un’opportunità preziosa anche in virtù del sorprendente esito del nostro sondaggio: “Acquisteresti prodotti alimentari in scadenza o scaduti da poco, seguendo la tendenza dei consumatori del Regno Unito?”. Gli utenti si sono divisi quasi equamente sulle due alternative che abbiamo proposto: infatti, se da un lato il 58% si è dichiarato scettico (pretendendo sui beni alimentari il rispetto di requisiti essenziali come freschezza ed integrità), è pur vero che il 42% ha giudicato l’offerta dei prodotti alimentari in scadenza o scaduti un modo efficace per risparmiare ed un’alternativa per fronteggiare la crisi. E allora, cerchiamo di smuovere un po’ le acque…

Plus One!

3 Commenti

  1. Sicurezza Alimentare: La parola all’esperto. Arriva la nuova rubrica tematica di PriceSharing.it | PriceSharing.it ha detto:

    […] anche suo: a fine gennaio, PriceSharing.it pubblicava un articolo dal titolo eloquente, “Ancora sui cibi scaduti: un’occasione per fare chiarezza sulla sicurezza alimentare tra allarm…”. Volevamo sollevare un dibattito, visto il forte interesse suscitato nei nostri lettori da […]

  2. Ancora sui cibi scaduti: un’occasione per fare chiarezza sulla sicurezza alimentare tra allarmismi di associazioni e dubbi dei consumatori | Yourpage live news aggregator ha detto:

    […] Ancora sui cibi scaduti: un’occasione per fare chiarezza sulla sicurezza alimentare tra allarmismi di associazioni e dubbi dei consumatori Author: admin | Categoria Pubblicità   L’elevata quantità di prodotti sequestrati dimostra come siano diffusi nel nostro paese gli illeciti nel campo dell’alimentazione, e come la sicurezza alimentare degli italiani sia sempre più in pericolo. Speculare poi sul bisogno di risparmiare a tutti i costi da parte di una fetta consistente di popolazione, costituisce un grave crimine soprattutto morale. D’altra parte, […] Vai alla Fonte […]

  3. Ancora sui cibi scaduti: un’occasione per fare chiarezza sulla sicurezza alimentare tra allarmismi di associazioni e dubbi dei consumatori ha detto:

    […] fonte: http://www.pricesharing.it » Vai al post originale […]

Rispondi

*