Creme solari: l’UE bandisce le etichette che promettono protezione assoluta dai raggi uv


Pubblicato il 12 giugno da Stanislao Di Bello

Consigli da google per le tue ricerche:

Plus One!

 

creme_solari_pricesharing

Spesso troviamo in commercio creme per la protezione solare con SPF (fattore di protezione solare) pari a 80, 90, 100, che promettono una protezione assoluta dai raggi ultravioletti. Ma esistono davvero prodotti con queste proprietà? Cercheremo adesso di fare un po’ di chiarezza sulla questione rispondendo a due semplici domande e riportando le recenti disposizioni dell’Unione Europea.

Cos’è il fattore di protezione solare?
Il fattore di protezione solare è un numero che indica il grado di protezione dai raggi ultravioletti. L’UE ha suddiviso le creme in commercio in quattro categorie: bassa protezione (fino a 10 SPF), media protezione (da 10 a 30 SPF), alta (da 30 a 50 SPF) e molto alta (SPF superiore a 50). Il grafico in basso è molto interessante e mostra, al variare del numero SPF, la percentuale di radiazione solare bloccata. Possiamo allora constatare che una crema con fattore di protezione 15 blocca il 93% delle radiazioni solari, mentre una con fattore 30 ne blocca il 97%. E’ altresì evidente che, per SPF maggiore di 30, la curva ha un andamento quasi orizzontale, il che comporta un aumento di percentuale molto piccolo al crescere di SPF.

 

creme_solari_pricesharing_2
 

Esiste la protezione assoluta dai raggi solari?
Medici ed esperti hanno più volte affermato che SPF superiori a 50 non garantiscono sostanziali miglioramenti sulla protezione, ma hanno il solo effetto di impressionare e confondere i consumatori. Inoltre i prodotti solari, in generale, sono in grado di filtrare in modo soddisfacente i raggi UVB, ma hanno un’efficacia minore sui raggi UVA, che penetrano più in profondità nella pelle, provocandone l’invecchiamento, e danneggiano il sistema immunitario. Dunque non esiste una protezione totale dai raggi ultravioletti.

Per questo motivo l’UE ha stabilito che le espressioni come “schermo totale”, “protezione al 100%” e simili, essendo ingannevoli e fuorvianti, dovranno scomparire dal linguaggio commerciale. Inoltre le etichette dei prodotti in vendita dovranno indicare, oltre al livello di protezione dai raggi UVB, anche quello relativo alle radiazioni di tipo UVA.

 

Plus One!

Rispondi

*